E' la "cessione del quinto" la soluzione più proposta

di Serena Riselli

Il Sole 24 Ore - 03 Marzo 2008

Volantini, depliant e annunci pubblicizzano in tutta Roma prestiti da mille fino a 50 mila euro, anche in 24 ore. A leggerli, chiunque potrebbe ricorrere a un finanziamento: dal pensionato al libero professionista, dallo studente a chi è protestato. La parola d'ordine per tutte le agenzie di credito e "cessione del quinto": il rimborso del prestito avviene con trattenuta di importo pari alla rata prevista dal piano d'ammortamento del prestito, effettuata direttamente in busta paga.
Una volta dato il proprio consenso alla trattenuta in busta paga, il richiedente non può più revocare il pagamento. Per questo motivo, molte agenzie di credito oggi chiedono come garanzia le ultime due buste paga di chi ricorre al prestito, le coordinate bancarie, la ricevuta di un'utenza pagata e il Tfr (sul quale, di solito, si basa la polizza assicurativa che accompagna il finanziamento).
Ma non sempre chi richiede un prestito riesce a ottenerlo. Provando direttamente a fare un giro tra alcune agenzie di credito romane, ci si rende conto che per un giovane sotto i trent'anni con contratto di lavoro a progetto, avere un finanziamento da 4 a 7mila euro e quasi impossibile. Quattro agenzie su cinque, tra quelle contattate, non provano neanche a preparare un preventivo. L'unica che accetta di farne uno, concede un prestito massimo di 4mila euro da restituire in 60 mesi con rate da 109 euro l'una, applicando un Taeg del 17,02 per cento.
Stessa cosa per un richiedente protestato: nessun preventivo senza busta paga a tempo indeterminato, e cessione del quinto come una possibilità.
La situazione cambia se il prestito serve a una persona con contratto a tempo indeterminato, dipendente in una piccola azienda e busta paga di 1.300 euro mensili. Il tetto massimo del finanziamento sale fino a 15-20 mila euro. Secondo i preventivi, per avere un prestito di 7 mila euro, le diverse agenzie propongono rate di 170 euro circa per una durata massima che varia dai 60 ai 72 mesi, con dei taeg che vanno dal 14,93% al 18,60%. La società che offre il tasso più basso (9,10%), propone 120 rate da 66 euro, ma la somma concessa scende a 5 mila euro. Per quanto riguarda i tempi di erogazione, solo un'agenzia consegna un anticipo della somma entro 24 ore dall`accettazione del finanziamento (ovvero 2-3 giorni dopo la richiesta dei soldi), le altre impiegano almeno una decina di giorni.