Il boom dei finanziamenti finalizzati all'arredamento

Flavio Meloni - 22 Giugno 2012

La crisi frena gli acquisti di immobili ma non la voglia degli italiani di abbellire la propria abitazione. Segno evidente che, malgrado le difficoltà economiche, la casa continua a rappresentare per gli abitanti del Belpaese il bene materiale più importante. I dati raccolti nel corso di un'indagine condotta dal portale PrestitiSupermarket.it su 15.000 richieste di finanziamento pervenute nei primi quattro mesi dell'anno mostrano che il 43% delle domande è stata presentata per pagare spese relative all'arredamento, con un importo medio che si è attestato su poco meno di 10.000 euro. Nello specifico, le richieste sono salite dal 36% del totale delle domande a fine 2011 al 43% nel primo quadrimestre del 2012. Il desiderio di abbellire, ammodernare o restaurare il proprio appartamento è particolarmente forte per le persone di età compresa tra i 40 e i 50 anni, che rappresentano il 30% circa del totale dei richiedenti (l'età media è di 43 anni). Subito dopo arrivano i trentenni, da cui proviene il 26% delle domande. Sovente si tratta di giovani coppie che hanno da poco affittato un casa e desiderano aumentarne il comfort abitativo. Segue la classe di età 50-60 anni, con il 21% delle richieste e infine quella al di sotto dei 30 anni, con il 17%. La concentrazione più significativa della domanda, dunque, si riscontra tra i trentenni e i quarantenni, che insieme pesano per il 56%. Nella maggior parte dei casi il prestito è richiesto per la ristrutturazione o l'ammodernamento della cucina, considerato evidentemente come uno degli ambienti più importanti della casa. Da un punto di vista geografico, in vetta alla classifica delle richieste di prestiti con finalità di arredamento si trova la Lombardia (circa il 17% del campione osservato), seguita dalla Campania (13%), dalla Sicilia (10%) e dal Lazio (9%). A spendere di più degli altri sono gli abitanti del Trentino Alto-Adige, le cui richieste di finanziamento si attestano sui 12.700 euro; al secondo e terzo posto, ben distanziati, si trovano i residenti nelle Marche(con 10.600 euro) e nella Campania (con 10.500 euro). Discorso a parte merita Milano: il capoluogo meneghino, storicamente sede elettiva di numerose iniziative legate al design, tra cui il famosissimo 'Salone del Mobile', registra in assoluto il maggior numero di richieste, con un importo medio di 10.300 euro e un'età dei richiedenti che ruota intorno ai 45 anni. In questo quadro non desta particolare sorpresa che l'83% delle richieste sia avanzata da dipendenti a tempo indeterminato, mentre i lavoratori autonomi,pesano per un 7% e i pensionati, per poco più del 4%. Scontato è anche il fatto che, visti i tempi difficili, i piani di rimborsotendano ad allungarsi: i finanziamenti tra i 4 e i 6 anni sono infatti quelli che raccolgono la preferenza del 70% circa dei richiedenti.